incapsulamento amianto
La bonifica eternit tramite incapsulamento amianto
28 Settembre 2020
confinamento amianto
Bonifica eternit tramite confinamento amianto
11 Novembre 2020

Come rifare il tetto in legno

tetto in legno

Per molti si è presentata la necessità di rifare il proprio tetto in legno.

Infatti, come conseguenza dei violenti temporali che specialmente nella stagione estiva si abbattono sulla pianura padana, in molti si sono trovati nella spiacevole situazione di dover riparare se non ricostruire il tetto della propria abitazione.

Ma come ricostruire il proprio tetto? Quali sono i vantaggi di un tetto in legno? E quali tipi di legno si utilizzano?

Perché un tetto in legno?

Il legno è da sempre il materiale da costruzione più diffuso e utilizzato.

Principalmente per la diffusione, la facilità di lavorazione e la durata.

Inoltre, un tetto in legno presenta numerosi vantaggi:

  • è isolante: sicuramente l’aspetto che per primo ci viene in mente e la capacità termicamente isolante del legno e che quindi permette di creare dei tetti che mantengono la casa calda d’inverno e fresca d’estate.
  • resistente: è un materiale molto compatto e resistente, quindi in grado di proteggere l’edificio, un ottimo mix di elasticità e leggerezza, che lo rende uno dei materiali migliori per progettare degli edifici antisismici.
  • ecologico: è di fatto l’unico materiale completamente ecologico, ein un’epoca in cui l’impronta ecologica che lasciamo sul pianeta ha un notevole valore, costruire un tetto in legno o una casa in legno, è un modo per limitare i danni all’ambiente.

Come si costruisce un tetto in legno

Una volta compreso il valore di un tetto costruito con un materiale naturale come il legno è interessante esaminare come si realizza effettivamente questo tipo di copertura.

Si parte da una struttura portante realizzata con travi e listelli che va a poggiare direttamente sui muri perimetrali e le colonne della casa.

Al di sopra va stesa una membrana impermeabile in grado di isolare l’edificio sottostante.

Seguono poi una listellatura su cui si va ad appoggiare il manto di copertura formato da pannelli lamellari (molto resistente e duraturo) oppure in legno massello (più bello ma necessita di una cura maggiore), ed infine le tegole.

Quale legno utilizzare?

I materiali maggiormente impiegati per realizzare una struttura in legno sono l’abete rosso, il rovere, il larice e il castagno.

Quali sono i pregi?

Per quanto riguarda l’abete rosso, esso è molto resistente ad attacchi di insetti e alle formazioni di funghi. Non solo è leggero ma permette di creare delle travature esteticamente molto eleganti.

Se parliamo del rovere, è tra i legni più duri e dal colore unico, adatto a tutte le tipologie di tetti.

Il larice, è un legno molto resistente, ma dall’anima più morbida che per questo prevede una manutenzione maggiore al fine di tutelarlo dagli attacchi di parassiti e funghi.

Infine il castagno, un legno intermedio che combina economicità con resistenza nel tempo.

A questo punto dipende dalle vostre preferenze e dalle esigenze personali l’orientarsi verso un determinato tipo di tetto in legno o un altro.

Se desiderate saperne di più, o volete ulteriori informazioni su come realizzare il vostro nuovo tetto in legno a Verona e provincia, potete contattarci, venendo nella nostra sede di San Giovanni Lupatoto, telefonando al 045 9251178 oppure compilando questo FORM.